HOME

STILE ITALIA

SALE RICEVIMENTI


Scopri i trucchi dei professionisti della fotografia

Scopri i trucchi dei professionisti della fotografia


Spesso si tende ad attribuire alla fotocamera, alle sue caratteristiche, alle sue funzioni, alla sua qualità, la responsabilità maggiore sui risultati fotografici che otteniamo. In cuor nostro, però, dovremmo sempre ricordare che la fotografia siamo noi a farla, che la fotocamera è uno strumento importante quanto si vuole, ma sempre uno strument che non può sostituirsi al nostro occhio, al nostro gusto, alla nostra arte. Anche la tecnica vuole la sua parte, certamente, perchè se non conosciamo le tecniche fotografiche difficilmente riusciremo a dare al nostro messaggio la veste necessaria affinchè venga recepito e apprezzato da chi osserva i nostri lavori. Tuttavia, per quanto nitida, ricca di colori e precisa nell'esposizione possa essere, una foto banale resterà sempre una foto banale. Ed è quindi questa l'ultima frontiera che dobbiamo infrangere per diventare bravi fotografi. Ma per quanto la composizione sia una questione di gusto personale e, in parte, di talento naturale, vi sono per fortuna alcune regole base che possiamo imparare ad utilizzare come punto di partenza per la nostra ricerca personale. E, ovviamente, ci sono anche il lavoro e l'esperienza dei fotografi più affermati che possono servirci da spunto e guida. Inoltre, a differenza di quanto accadeva con la fotografia tradizionale, oggi possiamo tranquillamente correggere la composizione di ogni scatto digitale che creiamo con la nostra fotocamera. Una gran bella comodità, non c'è che dire, ma ricordiamoci che ogni fotografia andrebbe sempre studiata prima di premere il pulsante dell'otturatore, soprattutto per quello che riguarda l'inquadratura.

Struttra del commercio e delle comunicazione del continente Africano

Struttra del commercio e delle comunicazione del continente Africano


Nonostante l'espansione dell'economia commerciale, l'Africa contribuisce solo in minima parte al commercio mondiale e la sua bilancia commerciale è in passivo. Gli scambi avvengono in massima parte con i paesi industriali dell'Occidente (Europa, USA, Giappone), mentre sono ancora trascurabili gli scambi interni e con i paesi dell'Asia e dell'America latina. All'esportazione le voci più importanti sono petrolio, rame, caffè, cotone e cacao. Le comunicazioni terresti devono ancora fare affiidamento su una rete ferroviaria e strale di impostazione coloniale, costituita da due grandi assi transcontinentali (sulle direttrici Alessandria-Città del Capo e Beira-Copper Belt-Lobito) e da vari tronchi di penetrazione, a cui si aggiungono le lente vie navigabili. Tre sono le reti organiche, manon sono collegate fra loro: nell'Africa nordoccidentale (Tunisia-Algeria-Marocco), dal delta del Nilo al Sudan e dal Sudafrica al Congo. La rete stradale non è sempre praticabile in tutte le stagioni. Nel settore marittimo i vecchi porti coloniali si rivelano sempre meno adeguati alle esigenze dei traffici moderni e sono stati perciò ammodernati o sostituiti da porti nuovi, mentre per il petrolio e i minerali sono sorti alcuni terminali specializzati. I progressi più vistosi sono stati compiuti nel settore delle comunicazioni aeere, ma gran parte dei servizi internazionali sono gestiti dalle grandi compagnie europee e nordamericane.

La storia dell'agricoltura

La storia dell'agricoltura


La datazione della scoperta che i vegetali si possono non solo raccogliere così come spontaneamente crescono, ma anche coltivare e selezionare, non è certa: gli studiosi collocano le forme piuù antiche di agricoltura negli altipiani della Mesopotamia settentrionale tra i dieci e gli ottomila anni fa e le prime dell'Europa occidentale al V millennio a.C. Il passaggio dalla pura e semplice raccolta alla produzione diretta di frutti della terra, portò due trasformazioni decisive: l'accrescimento numerico della popolazione, grazie all'aumentata disponibilità di cibo, e, soprattutto la sedentarietà in luogo della tradizionale nomadismo. Dovettero esistere, agli inizi delle attività agricole, stadi intermedi fra il nomadismo e la sedentarietà, come il sistema delle colture temporanee, imposte dalla necessità di trovare nuovi spazi da coltivare man mano che si esauriva la fertilità dei suoli, problema che, col crecere della popolazione e l'affinarsi dell'esperienza, venne in seguito affrontato in modi diversi: con tecniche elementari di concimazione, come quella, antichissima, del debbio, ossia dell'abbruciamento delle stoppie; con sistemi di rotazione delle colture; con il rivolgimento delle zolle di terra effettuato dapprima con bastoni e, più tardi, con zappe, e in seguito con scarti temporali notevoli tra le varie popolazioni mediante aratri a trazione animale.

Affilare in modo professionale le lame di ogni coltello

Affilare in modo professionale le lame di ogni coltello


In commerci ci sono questi affilacoltelli professionale di nuovissima generazione, che rendono quanto esistente nel mercato del tutto obsoleto, tutto quello che desidri da un’utensile di questo tipo è concentrato in queste macchine affilacoltelli:le caratteristiche di questo affilatore professionale sono velocità, praticità, semplicità, sicurezza ed efficacia.
La possibilità di cambiare l’angolo di affilatura permette di ottenere lame personalizzate e non esiste nulla di paragonabile alle lavorazioni che si ottengono grazie all’impiego di questi affilacoltelli.
Con questo magnifico affilacoltelli si possono usare lame in metallo o ceramica, per affilatura a rasoio, a punta o a botte, inoltre, grazie alla varie granulosità della serie di nastri abrasivi, si possono fare tante finiture di lame con nessuna sbavatura. La facilità di cambio dei nastri abrasivi è garantita da una struttura curata nei dettagli, i materiali usati per la costruzione di questo affilacoltelli sono la garanzia di un prodotto solido fatto per durare nel tempo.

Chiudiamo i sacchetti di plastica con le clips

Chiudiamo i sacchetti di plastica con le clips


Queste macchine clippatrici o legatrici sono datte per prodotti da forno,per piadine, dalla panificazione alla pasticceria, pastifici, ai caseifici industriali ed artigianali, dalla produzione di materiale elettrico ai vivai e ai più svariati articli tecnici.
La macchina clippatrice è dotata di un sistema di chiusura del sacchetto ed applica una clip in plastica o alluminio. Le clippatrici possono operare manualmente o possono essere inserite in una linea di produzione automatica.
Si possono inoltre realizzare alcuni modelli speciali e personalizzabili che ad esempio venogno installati in linea sistemi d'imballaggio. Un'altra macchina abbinabile è sicuramente l'occhiellatrice, questa macchina infatti garantisce l'integrità dei sacchetti in plastica contro la manomissione. Le occhiellatrici sono macchine robuste, di base utilizzate in pastifici, settore caseario ed alimentare. Il funzionamento è semplici, dopo aver inserito nel caricatore gli occhielli e posizionato il sacchetto da confezionare sul piano della macchina, basterà premere il pedale pneumatico per appliccare gli occhielli di garanzia.

Usare la macchina sottovuoto

Usare la macchina sottovuoto


Utilizzare una macchina sottovuoto professiona sia con prodotti crudi che cotti e si può abbinarla alla refrigerazione. La conservazione degli alimenti sottovuoto può variare da 6 a 21 giorni a seconda del prodotto.
La scelta del modello di macchine per sottovuoto va fatta in base alle proprio esigenze. Le differenze delle tipologie di macchinari sono due: ad aspirazione esterna o a campana.

Uno strumento fondamentale per evitare ogni spreco di cibo è sicuramente la confezionatrice sottovuoto che permette l'eliminazione dello sviluppo di microrganismi, di alterazioni causate dall'ossigeno (come l'ossido) e permettono di mantenere il prodotto frescho e al riparo da odori esterni. Con questo trattamento del sottovuoto si può conservare un alimento molto più a lungo perché in assenza di aria quasi tutti i microorganismi e i batteri non possono svilupparsi. Certamente questa tecnica permette di trattenere sapore, colore, profumo e tutte le proprietà nutrizionali dei prodotti.
Le macchine professionali per sottovuoto ad aspirazione esterna non sono particolarmente ingombranti ed hanno dei prezzi ragionevoli, sono ideate per soddisfare le necessità di uso domestico e di piccole aziende. Per usarle bisogna tenere il sacchetto, contenente l’alimento, esterno alla macchina e in pochi secondi la macchina aspira l’aria, crea il vuoto e sigilla il tutto permettendo così una conservazione ideale degli alimenti. Il sottovuoto che si ottiene dalle macchine sottovuoto ad apirazione esterna si aggira vicino 95% e permette di mettere sottovuoto solo alimenti solidi e non quelli liquidi.
Tutti gli alimenti vengono sistemati interno di appositi sacchetti groffati, viene poi azionata la macchine ed una pompa aspirante posta all'interno eliminerà l'aria presente all'interno.

Successivamente il sacchetto viene quindi chiuso e saldato termicamente permettendo la fine del ciclo della macchina sottovuoto.
L'altro tipo di macchina per sottovuoto è quella a campana che è di maggiori dimensioni rispetto alle precedenti e sono ideali per l'uso professionale come ad esempio in macelleria. I prodotti vengono inseriti dentro della camera e successivamente, dopo aver chiuso il coperchio la confezionatrice aspirerà l’aria creando il vuoto intorno ai cibi e infine attraverso l’utilizzo di una apposita busta, sigillerà l’alimento ermeticamente. Il risultato sarà un sottovuoto pari al 99% ed si potranno confezionare tutti gli alimenti, sia solidi che liquidi.
Ovviamente le maggiori dimensioni e potenza rendono queste macchine più costose ma estremamente affidabili.

Fare la pasta fresca in casa con la macchina pasta elettrica

Fare la pasta fresca in casa con la macchina pasta elettrica


La macchina per fare la pasta è una impastatrice automatica professionale in acciaio di colore rosso ed è ideale per produrre la tua pasta fatta in casa in maniera professionale e veloce, questa unica ed originale impastatrice di alta qualità Italiana ha un ridotto ingombro e una struttura completamente in acciaio. Potrai inserire 1,5 kg d'impasto ( farina + liquido) per volta e produrre 4 kg di pasta all'uovo per ora.
La macchina per pasta fatta in casa è stata concepita appositamente per rendere il più breve possibile la realizzazione di pasta fresca ed è dotata di vasca di ampie dimensioni per impastare in modo adeguato..
Una volta che l'impasto è pronto, si ruota l'interuttore sulla posizione estrusione e così facendo, si permette all'impasto di uscire attraverso le trafile di bronzo, che in base ai diversi formati e forme, permettono di ottenere il tipo di pasta desiderato.
Si possono realizzare impasti con qualsiasi tipo di farina purchè di buona qualità, inoltre, è possibile impastare con sola acqua e farina (quindi senza uova) rispettando le quantità indicate sulla caraffa in dotazione. Le trafile sono costruite in bronzo, permettendo così di preservare nella pasta una porosità tale da favorire la presa del condimeto e mantenere quell'aspetto di casereccio tanto ricercato.

Il pane e la pizza fatti con l'impastatrice a spirale

Il pane e la pizza fatti con l'impastatrice a spirale


L'impastatrice a spirale è impiegata principalmente nel panificio o nella pasticceria industriale od artigianale, nell'atto di impastare la farina di frumento con l'acqua, lievito, sale, lievito madre, zucchero, ecc. La vasca, dall'introduzione delle normative haccp, è in acciaio e di forma cilindrica. Essa, durante la fase di impasto, ruota sul proprio asse in modo da facilitare l'impastamento. La spirale gira lungo il proprio asse generando un'azione di stiramento ed allungamento della maglia glutinica. Generalmente è presente un "piantone" centrale fisso, che serve per facilitare l'impasto. Tale azione di "stiramento" del glutine e di forte attrito, provoca un riscaldamento dell'impasto.
L'impastatrice permette infatti di amalgamare e lavorare perfettamente gli ingredienti necessari per la realizzazione di impasti per la pizza, per il pane e per la pasta.
La vasca dell'impastatrice a spirale può essere sia di tipo fisso, sia si tipo asportabile, sia di tipo ribaltabile. Quest'ultima facilita le operazioni di svuotamento in quanto riversa l'impasto sul piano di lavorazione. Gli ingredienti che possono essere introdotti nella vasca sono elementi base come la farina, l'acqua, l'olio, lo strutto, il sale e lo zucchero.
E' adatta per impasti teneri con 55-70% di acqua o medio duri con 50-55% di acqua e il prodotto finale non dovrà superare il peso di 5 kg.
Con questa impastatrice a spirale è vivamente sconsigliato l'utilizzo d'impasti d'uova perchè possono causare rotture meccaniche anche molto gravi.
La vasca fissa in acciaio inox 304 ha una capacità di farina di circa 3 kg e una capacità in litri di circa 7 lt.
Le trasmissioni dirette a catene permettono l'eliminazione dell'olio ed eliminano i noiosi rumori e costose manutenzioni.
La spirale e l'asta spacca pasta sono costruite in acciaio inox speciale, resistenti alle più forti sollecitazioni ed il pannello di comando è in bassa tensione (24 Volts).
Senza costi aggiuntivi si possono inoltre scegliere il tipo di alimentazione, monofase o trifase, e il tipo di verniciatura antigraffio, rossa, grigia o bianca.
La macchina è dotata di riparo mobile interbloccato che se sollevato dalla posizione di lavoro provoca lo spegnimento ed arresto immediato della vasca.

Essiccare frutta e verdura in casa

Essiccare frutta e verdura in casa


Gli essiccatori per alimenti in acciaio inox della sono il top della gamma e sono inoltre adatti per essiccare funghi, frutta e vedura in modo naturale.
Questo originale essiccatore professionale per pasta fatta in casa e alimenti è dotato di tunnel e sei cestelli interamente costruiti in acciaio inox. Questi essiccatori si rivolgono agli utenti professionali, per i quali l'acciaio inox è indispensabile e agli appasionati che desiderano possedere il meglio.
Inoltre grazie ai controlli elettronici del motore ogni prodotto ha un suo programma di essiccazione ottimizzato e specifico.
L'utilizzo è facilissimo, basta infatti caricare i prodotti nei cestelli, selezionare il programma desiderato e esso si occupa di essiccare ogni alimento nel modo migliore.
Durante il processo di essiccazione si può in ogni momento controllare la temperatura interna, e quando il programma è terminato il sistema mantiene i prodotti al giusto grado di essiccazione, per tutto il tempo necessario.
Quello che rende l'essiccatore unico è il metodo di essiccazione a flusso d'aria orizzontale.
L'aria è libera di circolare lungo tutta la superficie dei prodotti, rendendo l'essiccazione uniforme e ottimizzando lo sfruttamento del calore.
I modelli di essiccatori in commercio vengono forniti con lo stesso gruppo motore di tutti gli altri modelli, e quindi con opzioni e programmi identici ai suoi fratelli maggiori.